Il 2020 è sicuramente l’occasione per un’estate dedicata a riscoprire le tante bellezze che il nostro paese ha da offrire, tra mare, laghi, città d’arte e montagna. A quest’utlima vogliamo dedicare l’articolo di oggi, in particolare al Trentino Alto Adige e alle Dolomiti, con panorami che non stancano e non smettono mai di stupirci. Abbiamo pensato di raccogliere informazioni utili per tre escursioni giornaliere tra le montagne più fotografate d’Italia, adatte sia agli amanti del trekking, sia ai camminatori occasionali, certi che entrambi ne usciranno soddisfatti.

La prima meta che ci ha impressionato moltissmo è stata Seceda (2500 m di altitudine), cima della Val Gardena situata nel Parco Naturale Cisles-Odle, dichiarato Patrimonio Unesco per gli immensi panorami che permette di ammirare. Seceda può essere raggiunta tramite cabinovia e funivia da Ortisei: la prima parte del tragitto per raggiungerla si percorre in cabinovia da Via Val D’Anno, dove, dopo aver parcheggiato al costo di 8 euro giornalieri, dovrete fare un biglietto di andata e ritorno al costo di 38 euro per persona. La cabinovia termina a Furnes, dove salirete sulla funivia ad alta capienza che vi condurrà alla cima. Già durante l’ascesa alla cima i panorami che spaziano dalle Dolomiti dell’Alto Adige a quelle del Brenta, vi lasceranno a bocca aperta. Le camminate percorribili sono diverse e variano da un’oretta sino a più di due ore a scelta: il grado di difficoltà è medio, anche se i numerosi saliscendi per raggiungere i vari punti panoramici e rifugi vi metteranno alla prova! Consigliamo di raggiungere la Baita Trojer Hutte, soprattutto se viaggiate con bimbi: oltre all’ottima cucina, qui si trovano ampie aree relax con lettini e giochi per i bambini, nella splendida cornice di una fattoria popolata da caprette, mucche e lama.

La seconda escursione che deve necessariamente essere inclusa nella vostra lista è alle Tre Cime di Lavaredo, simbolo indiscusso delle Dolomiti e anch’esse Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Fanno parte dell’omonimo parco e sono costituite da:

  • Cima Grande  2999 m
  • Cima Ovest 2973 m
  • Cima Piccola 2857 m

Il parcheggio di rifugio Auronzo, situato a 2320 metri s.l.m., è gratuito, ma per entrare nel Parco occorre pagare un biglietto di 30 euro per veicolo (se viaggiate in auto, per gli altri veicoli le tariffe variano in base alla tipologia). Il sabato e la domenica sono i giorni più affollati, quindi se avete l’opportunità di scegliere, evitateli. Numerosissimi sono gli itinerari percorribili, connotati da diversi gradi di difficoltà, sino a quelli per veri e propri esperti. Indichiamo qui per punti il percorso di difficoltà media che abbiamo scelto, di circa 6 km, adatto anche a chi non è molto allenato, ma divisibili in tratte intervallate da pause ai rifugi. Percorrete la Strada 101 fino al Rifugio Lavaredo, dopodichè dirigetevi verso il punto panoramico Forcella Lavaredo; di qui seguite le indicazioni per il rifugio Locatelli. Dopo esservi riposati e ristorati seguite la strada 105 fino a Col Forcellina e non abbandonate mai la strada 105 sino al ritorno al parcheggio. Questo percorso vi permette di girare letteralmente intorno alle Tre Cime, per ammirarle da ogni punto panoramico disponibile in tutta la loro imponenza.

L’ultima escursione che vi suggeriamo di non perdere è quella all’Alpe di Siusi, il più grande altopiano d’Europa a circa 1700 m sul livello del mare. In questa terza escursione dovrete predere la funivia Alpe di Siusi nel centro di Ortisei (Strada Setil), l’ingresso della quale si trova proprio sopra al parcheggio coperto del paese. Il parcheggio, nel caso non alloggiate qui, costa 0,50 € all’ora, oppure 6 euro al giorno, mentre il biglietto di andata e ritorno in cabinovia costa 19,90€ per persona. All’Alpe di Siusi i percorsi sono molto meno impegnativi dei due precedenti, proprio perchè, trattandosi di un altopiano, non vi sono tratti di camminata impervi o saliscendi molto ripidi. Il paesaggio è mozzafiato e permette di ammirare tutte le catene che la circondano, dal Sassolungo alle Alpi Settentrionali, fermandovi di tanto in tanto a rilassarvi tra i campi verdi e i pascoli all’aria aperta.

Consigli:

– per chi decide di fare più escursioni durante la propria permanenza consigliamo di valutare l’opzione Gardena Card, un abbonamento di 3 o 6 giorni che include l’utilizzo illimitato di numerosi impianti, risparmiando sulle singole corse. Lasciamo il link alla pagina per chi volesse informazioni più precise a riguardo : https://www.valgardena.it/it/vacanze-estive-dolomiti/mobilita/gardena-card/ Tenete però presente che l’ingresso al Parco Tre Cime è escluso da questo circuito;

– attenzione all’abbigliamento: sebbene vi troviate in piena estate, le temperature ad alta quota possono riservare sorprese e repentini cambi metereologici. Giubbottini antivento e maglie tecniche/termiche sono consigliatissime;

– non dimenticate una protezione solare alta: il sole in alta montagna non perdona!

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti in questo articolo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CollezionoMiglia © 2019 – 2021